Phantom, Inspire, Spark e Mavic, per ultimo nella versione Mini: in pochi anni di attività DJI ha sbaragliato ogni concorrenza nel mercato mondiale dei droni, arrivando a coprire con i suoi velivoli una fetta di settore talmente ampia che a volte ci si domanda se domani non sarà addirittura l’intera torta.

Se il cielo è per definizione il limite dell’ambizione, però, nel caso dell’azienda di Shenzen un nuovo campo in cui  misurarsi potrebbe essere paradossalmente rappresentato dal terreno. Questo almeno è quanto viene da pensare guardando il particolare brevetto DJI che circola in Rete in questi giorni.

Lo schema progettuale sembra infatti quello di un drone terrestre, un veicolo che per la forma ricorda molto i rover lunari, con baricentro basso e peso della struttura ben distribuito sulle ruote, collegate ad avanzati sistemi di ammortizzazione che hanno lo scopo di garantire alla macchina spostamenti solidi e senza interruzioni, ideali per sfruttare al massimo la telecamera posta sulla sommità.

L’idea di un drone terrestre prodotto da DJI può forse sorprendere chi…

The complete article is here