Lo UAV (Unmanned Aerial Vehicle)  che raccoglie campioni e analizza la qualità dell’acqua in tempo reale, sarà commercializzato entro l’anno ed è stato realizzato con le società spagnole Sixtemas e Adantia
Con un peso massimo al decollo di 25 chilogrammi e sistema di controllo ottimizzato, il drone risulta facile da usare e trasportare.
Nell’ambito della stessa iniziativa, Indra lavora anche su una nave senza equipaggio dotata di un sistema robotico per monitorare la qualità dell’acqua in mare e negli oceani

Roma, 16 gennaio 2020 – Indra, una delle principali società di consulenza e tecnologia, insieme alle società spagnole Sixtemas e Adantia, ha testato con successo il primo drone ambientale in grado di automatizzare la raccolta di campioni nei fiumi e nelle aree costiere, così da offrire informazioni in tempo reale sui parametri di qualità dell’acqua. Il sistema sarà pronto per la commercializzazione entro l’anno.
“L’Italia con uno sviluppo costiero di circa 7.900 km, più di 1.000 laghi e circa 1.200 fiumi di cui 58 che si sviluppano per oltre 100…

The complete article is here