La normativa americana sui droni e quella europea che si appresta ad entrare in vigore la prossima estate convergono sempre di più, e di pari passo vanno anche le tecnologie che dovranno sostenere il futuro scenario in cui voleranno non solo i droni dei privati (professionisti o semplici appassionati) ma anche quelli delle consegne, in spazi aerei sempre più affollati che dovranno poter essere controllati in modo semplice e veloce dalle forze dell’ordine, al fine di garantire la sicurezza di tutti.

Per questo la FAA, ossia l’equivalente americano della nostra ENAC, ha annunciato di stare implementando un nuovo sistema che permetta di identificare e tracciare in remoto qualunque drone, ottenendo informazioni sulla posizione, sul punto di decollo, e così via. Queste informazioni verranno trasmesse in tempo reale dal drone alle forze dell’ordine, che in caso di volo non autorizzato potranno risalire in pochissimo tempo anche alla persona che ha registrato il velivolo.

Ad ogni drone verrà associato un identificativo univoco, il che permetterà al sistema di controllo di…

The complete article is here