E’ durato poco per fortuna, il chiarimento tra il Ministero dell’Interno e l’Ente Nazionale Aviazione Civile per l’autorizzazione dei voli dei droni delle Polizie Locali in ambiente cittadino per individuare eventuali assembramenti di persone nel contenimento del contagio del Covid-19, meglio conosciuto come coronavirus.

Il contenzioso, passateci il termine, è nato quando ENAC ha autorizzato e concesso alcune deroghe alle Polizia Locali che ne facessero richiesta, circa l’uso dei droni in ambito urbano.
Dopo qualche giorno, il Ministero dell’Interno ha di fatto vietato tali voli, richiedendo un confronto urgente con l’Autorithy italiana che regola il volo degli aeromobili civili e dei droni.

Sblocco della situazione di stallo, per usare un termine aeronautico, avvenuto in tempi brevi e il Ministero ha chiarito che non ci sono altri vincoli se non quello di autorizzare il volo dei droni delle Polizie Locali, previo avvertimento delle prefetture della varie città.
A tal proposito ENAC ha a sua volta ribadito con una circolare del 31 marzo che la regolamentazione dello…

The complete article is here