Se siete tra le tante persone che odiano le zanzare perché ogni estate vi riempiono di punture e vi tolgono il sonno ronzandovi di notte vicino alle orecchie, allora forse potete immaginare come sarebbe la situazione in un Paese a latitudini quasi equatoriali come Zanzibar, dove non solo le zanzare trovano le condizioni per proliferare tutto l’anno, ma dove malattie come la malaria sono endemiche.

In un contesto del genere, la lotta alle zanzare, che sono i principali vettori del plasmodio della malaria, è una questione di primaria importanza che riguarda direttamente la salute pubblica. I risultati, dopo che negli ultimi anni lo Stato ha promosso l’adozione di strumenti tradizionali di prevenzione (zanzariere e altri rimedi sono stati forniti gratuitamente a gran parte della popolazione), sono incoraggianti: in alcune aree la percentuale delle persone colpite è scesa dal 40% al 10%.

Adesso è il turno dei rimedi tecnologici, visto che è in corso una disinfestazione all’avanguardia con i droni, per bonificare le aree più a rischio che rappresentano l’habitat ideale per…

The complete article is here